Assunta, 1550

assunta

Assunta, 1550 - Ancona

L’opera nasce in un contesto umano ed artistico di profonda trepidazione e tristezza: il linguaggio si fa conciso e scavato, i colori si smorzano su tonalità pacate, mentre le figure perdono i legami poetici tra loro, solo rapite dal miracolo dell’Assunzione della vergine. Su uno sfondo indistinto e carico di tensione, l’artista semplifica la composizione, la rende più schiettamente devozionale. La Vergine è presentata secondo un modulo tipologico che sarà abbondantemente ripetuto nell’arte della controriforma: è ritta in piedi mentre viene trasportata in alto da un coro di angeli, tiene le braccia aperte e lo sguardo rapito verso il cielo. Sotto di lei gli apostoli in un gesticolare meravigliato e un po’ smarrito, circondano il sepolcro vuoto. In un contesto corrusco, balenante di luci e di ombre, pervaso da una malinconia che abbraccia le persone e intristisce il luogo, affiora il particolare poetico dei petali dei fiori che occupano il sepolcro vuoto, unico segno del passaggio umano di Maria.

Print Friendly
Facebook Twitter Email Pinterest Plusone Linkedin Digg Delicious Reddit Stumbleupon Tumblr Posterous