Jesi

Pinacoteca civica

La Pinacoteca comunale di Jesi occupa il piano nobile del settecentesco Palazzo Pianetti, dotato di una straordinaria Galleria degli Stucchi in stile rococò e di un bellissimo giardino-belvedere all’italiana. Tra pregevoli affreschi, si possono ammirare opere comprese tra XV e XIX secolo, prevalentemente a carattere religioso e patrimonio cittadino. La civica raccolta è importantissima per la presenza di cinque opere di Lorenzo Lotto eseguite tra il 1512 e il 1539 per le chiese di San Francesco al monte e San Floriano, tra cui un capolavoro, la famosa pala di Santa Lucia.

Pinacoteca civica di Jesi Inoltre, la grande pala d’altare della Deposizione, le due tavolette raffiguranti l’Angelo Annunciante e la Vergine Annunciata e la Madonna delle Rose.

Assai ricca e prestigiosa la collezione della galleria di arte contemporanea collocata al secondo piano del palazzo, nei deliziosi ambienti tardo ottocenteschi e primo novecenteschi della famiglia Pianetti, con opere di De Pisis, Guttuso, Pistoletto, Ontani, Trubbiani, Teodosi, Tamburi e altri.

Opere presenti

Deposizione, 1512

SCHEDA DELL’OPERADeposizione, 1512, Pinacoteca civica di Jesi

Annunciazione, 1526

SCHEDA DELL’OPERAAnnunciazione, 1526, Pinacoteca civica di Jesi

Madonna delle Rose, 1526

SCHEDA DELL’OPERAMadonna delle Rose, 1526, Pinacoteca civica di Jesi

Visitazione, 1531

SCHEDA DELL’OPERAVisitazione, 1531, Pinacoteca civica di Jesi

Pala di Santa Lucia, 1532

SCHEDA DELL’OPERAPala di Santa Lucia, 1532, Pinacoteca civica di Jesi

Città di Jesi

Jesi (mt. 96 s.l.m.) è situata a sinistra del fiume Esino, al centro della valle che prende il nome dal fiume stesso, a media distanza dal litorale adriatico e dalla Gola della Rossa, nell’Appennino marchigiano. E’ la città più importante della Vallesina, territorio che raggruppa circa 20 comuni.

Situata nel cuore della Vallesina, dove eccelle la produzione del vino bianco Verdicchio, Jesi raccoglie un patrimonio di arte, cultura ed enogastronomia, che ne fanno una delle vetrine più belle nel panorama turistico dell’Italia centrale. Visitare Jesi vuol dire compiere un viaggio nell’arte, percorrendo il suo centro storico magnificamente conservato e per questo già segnalato dall’UNESCO nel 1969. Dalla città romana e poi medioevale e rinascimentale fino alla parte settecentesca, il visitatore vedrà scorrere di fronte a sé l’affascinante sequenza di chiese e palazzi antichi, attraversando i secoli e la storia. Un viaggio che non potrà non terminare alla Pinacoteca civica, di fronte alle opere di Lorenzo Lotto, uno dei massimi artisti del Rinascimento. Ottima gastronomia, buon vino e splendide colline fanno da giusta cornice a questa città di arte e di storia, dove sarà piacevole soggiornare all’insegna del benessere e della cultura.

Foto di Giorgio Filippini

 

Contatta la pinacoteca di Jesi

 
Print Friendly
Facebook Twitter Email Pinterest Plusone Linkedin Digg Delicious Reddit Stumbleupon Tumblr Posterous