Restaurato il Polittico di San Domenico e altre opere lottesche

Restaurato il Polittico di San Domenico e altre opere lottesche E’ giunto al termine, dopo 300 giorni di cantiere e 6 mq restaurati, il complesso restauro del monumentale Polittico di San Domenico, una delle opere più significative di Lorenzo Lotto, tornato a mostrare dettagli sorprendenti e colori vividi grazie al lavoro condotto dai laboratori COO.BE.C. di Spoleto e reso possibile da un importante finanziamento di Enel. Il restauro rientra tra le attività promosse dal progetto territoriale Terre di Lotto che ha seguito la mostra Lorenzo Lotto curata da Giovanni C.F. Villa alle Scuderie del Quirinale (2 marzo-12 giugno 2011).

Il rientro dell’opera a Recanati rappresenta un’occasione imperdibile per ammirare dal vivo i risultati di questo straordinario intervento di recupero e per scoprire dettagli e particolari completamente oscurati dal passare del tempo, che rivelano, ancora una volta, la grande qualità pittorica dell’artista.

I lavori di restauro del Polittico, a seguito di un’accurata campagna di analisi scientifiche e indagini diagnostiche, finanziata dalla Regione Marche, che ha rivelato il grave stato conservativo in cui versava l’opera, sono proseguiti in un cantiere di restauro aperto allestito nel percorso espositivo della grande mostra alle Scuderie del Quirinale. Per l’occasione una parte dell’opera (la cimasa e la tavola con i santi Lucia e Vincenzo Ferrer) è stata restaurata ”dal vivo”, per l’intera durata della mostra, con il prezioso contributo di Enel.

Il pubblico ha potuto così seguire in diretta i lavori di restauro attraverso postazioni multimediali interattive, interviste, video, schede tecniche, approfondimenti e immagini, che hanno reso il lavoro scientifico alla portata di tutti. Al termine della mostra, l’intera opera è stata ricoverata nel laboratorio di Spoleto, dove è proseguito l’intervento sulle restanti tavole che compongono l’opera: l’operazione ha dato risultati incredibili soprattutto sotto l’aspetto cromatico, rivelando l’utilizzo di una gamma di colori straordinariamente ampia, il sapiente accostamento di tinte contrastanti in grado di creare un forte impatto emotivo e un’eccezionale cura dei dettagli. Inoltre è possibile ammirare il Polittico di Recanati presso il Museo Civico Villa Colloredo Mels sotto un’altra luce grazie alla collaborazione de I Guzzini che hanno realizzato un’apposita illuminazione a LED che permette di ammirare colori brillanti e dettagli sorprendenti.

La campagna di restauro intrapresa in vista della mostra di Roma ha permesso, grazie al finanziamento di BNL Gruppo BNP Paribas, il restauro di altre opere marchigiane tra cui la Trasfigurazione di Recanati, la Presentazione di Cristo al tempio, La Forza che sconfigge la Fortuna e I santi Cristoforo, Rocco e Sebastiano di Loreto.

Print Friendly
Facebook Twitter Email Pinterest Plusone Linkedin Digg Delicious Reddit Stumbleupon Tumblr Posterous