Trasfigurazione, 1512

Trasfigurazione, 1512

Trasfigurazione, 1512 - Recanati

Paesaggio e figure, sentimenti ed emozioni sono tradotti con impeti patetici e moti espressivi al limite della deformazione fisica e prospettica. Lo spazio pittorico si apre su 2 dimensioni: una espressività tesa e drammatica in primo piano dove i corpi degli apostoli si arrotolano nel pendio del monte in una scena caotica ed agitata, e in alto l’infinità dello spazio atmosferico al di là del monte e delle figure. Qui la composizione riposa su uno schema più equilibrato, a doppio triangolo contrapposto, con i vertici che si incontrano in corrispondenza del volto del Cristo dove convergono e si azzerano le tensioni e i moti direzionali delle figure. Una struttura compositiva che ignora la prospettiva e le sue regole armoniche, volutamente arcaica nel richiamo bidimensionale dei piani di visione, nelle iscrizioni in oro e nelle tinte accese e stridenti.

Print Friendly
Facebook Twitter Email Pinterest Plusone Linkedin Digg Delicious Reddit Stumbleupon Tumblr Posterous